Chiamati a essere santi nell’ordinario

«La vita cristiana è una lotta costante contro il diavolo… I santi sorprendono, spiazzano, perché la loro vita ci chiama a uscire dalla mediocrità tranquilla e anestetizzante» ci dice papa Francesco nell’esortazione apostolica Gaudete et exultate. E così ci invita l’Arcivescovo Delpini a metterci letteralmente in cammino, a pellegrinare attraversando il deserto verso la nuova Gerusalemme. E sul cammino della vita potremmo imbatterci in sante e santi straordinari dell’ordinario, come Marcellina, sorella maggiore di Ambrogio e Satiro. Visse nel IV secolo “fuori di porta Vercellina (era a Santa Maria alla Porta). Nella biografia a lei dedicata Vita della Vergine romana – milanese Marcellina, Monsignor Biraghi afferma “che insieme ad altre vergini consacrate usavano alla Chiesa pubblica, e l’opera loro conferivano in ajutare i Vescovi nei catechismi, nel soccorso de’ poveri, nell’ amministrazione de’ sacramenti. E più avanti continua: “essendo assai cresciuto in quell’epoca il numero dei battezzandi si accrebbe anche il numero dei ministri aiutanti, specialmente per la amministrazione del battesimo solenne nelle vigilie di Pasqua e di Pentecoste. Si adoperavano in allora anche le diaconesse per il battesimo delle donne inferme o povere”. Donne quindi impegnate nel servizio della trasmissione della fede.

Raccontare di loro non ci deve far pensare a esempi di santità irraggiungibili ma piuttosto portatrici di “santità del quotidiano”. Perché anche noi – nella vita di tutti i giorni – possiamo gustare la bellezza e il profumo della santità a cui tutti siamo chiamati, qualunque sia lo stato di vita. E anche nei momenti di difficoltà, “quando senti la tentazione di invischiarti nella tua debolezza, alza gli occhi al Crocifisso e digli: “Signore, io sono un poveretto, ma tu puoi compiere il miracolo di rendermi un poco migliore”. Ci esorta ancora papa Francesco perché “nella Chiesa, santa e composta da peccatori, troverai tutto ciò di cui hai bisogno per crescere verso la santità. Il Signore l’ha colmata di doni con la Parola, i Sacramenti, i santuari, la vita delle comunità, la testimonianza dei santi, e una multiforme bellezza che procede dall’amore del Signore”. In cammino dunque fiduciosi e forti della presenza dello Spirito.

Gloria Mari